nero-rotella-logo

NERO

di Sabrina Pisu

Milano, Gioia Tauro, Peteano, Brescia, San Benedetto Val di Sambro, Bologna: questo podcast segue la cartina delle stragi degli anni di Piombo. Geografia di un’Italia dalla democrazia ferita che ha lasciato le vittime e le loro famiglie, i cittadini tutti, in molti casi senza giustizia. Un racconto di ricerca e memoria che passa attraverso il recupero di fatti, testimonianze, storie e «schegge di verità», come le chiamava Leonardo Sciascia, che rischiano di essere perduti. Un racconto che dà voce anche ai magistrati, quelli dell’«Io so» di Pier Paolo Pasolini, ma che spesso hanno anche le prove di una verità giudiziaria che alla fine si sgretola davanti ai loro occhi: tra depistaggi, insabbiamenti, collusioni, segreti resistenti come piombo al tempo. Questo racconto è «Nero»: nero come il buio che si è tentato di far scendere sui colpevoli, come il cielo di Milano il giorno dei funerali delle vittime di Piazza Fontana e, soprattutto, come l’inchiostro per ricostruire le verità giudiziarie e storiche accertate, non smettere di indagare e non dimenticare chi ha pagato con la vita quella stagione di terrorismo e orrore: persone, non solo morti da contare.

1 episodi
  • Milano, Gioia Tauro, Peteano, Brescia, San Benedetto Val di Sambro, Bologna: questo podcast segue la cartina delle stragi degli anni di Piombo. Geografia di un’Italia dalla democrazia ferita che ha lasciato le vittime e le loro famiglie, i cittadini ...

  • Il viaggio di Sabrina Pisu inizia da Milano, da Piazza Fontana dove il 12 dicembre del 1969 una bomba è esplosa all'interno della sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura, provocando diciassette vittime e ottantotto feriti. Il giorno in cui «l’Ita...

  • Trentasei anni di indagini, sette processi e zero condanne definitive per strage: nessuna giustizia per le vittime di Piazza Fontana. I responsabili sono stati individuati ma non condannati tra depistaggi, silenzi, complicità e connivenze di Stato. P...

sabrinapisu_fototagliata

SABRINA PISU

Sabrina Pisu, giornalista, è attualmente impegnata nella scrittura del suo terzo libro che uscirà per Einaudi. Negli ultimi sei anni ha lavorato per il canale televisivo internazionale d’informazione Euronews per il quale ha coperto i principali fatti di politica italiana e internazionale. In precedenza ha collaborato con diverse testate nazionali tra cui Radio24 de Il sole24ore, Sky e Rai3. Per Radio24 ha realizzato reportages, con interviste anche in esclusiva, sulle stragi di mafia per il programma Italia in controluce di Daniele Biacchessi. Ha scritto, con Alessandro Zardetto, il libro di inchiesta «L’Aquila 2010, il miracolo che non c’è» (Castelvecchi, 2010. Scrive Curzio Maltese nell’introduzione: «Un bel libro, un’inchiesta documentatissima e sconvolgente») incentrato sulle speculazioni post-sisma. Ha scritto con il giudice Vincenzo Calia «Il Caso Mattei, le prove dell’omicidio del presidente dell’Eni» (Chiarelettere, 2017) che racconta in esclusiva e con documenti inediti l’attentato a Enrico Mattei. Il volume ha vinto diversi premi, tra cui il secondo premio dell’ultima edizione del concorso letterario internazionale Città di Como, sezione saggistica, giuria presieduta da Dacia Maraini; il primo premio della critica al Premio Letterario Internazionale Città di Cattolica e il primo premio per la saggistica al Premio Letterario Internazionale Gian Antonio Cibotto.

INFO SERIE

Una produzione di Sabrina Pisu
Post-produzione audio di Patrick Wauthier, Diego Giuliani
Illustrazione di Francesco Mastantuoni
Musica di Kevin MacLeod

3 Comments
  • Pingback:La bomba. Cinquant’anni di Piazza Fontana di Enrico Deaglio – il libro geniale
    Posted at 07:10h, 22 Aprile Rispondi

    […] Podcast di storielibere.fm (che strano); lo stile della Pisu, la narratrice, è forse troppo asettico, ma preciso e nella prima puntata racconta la strage di Piazza Fontana intervistando uno dei testimoni sopravvissuti: https://storielibere.fm/nero/; […]

  • Giovanni Violante
    Posted at 15:37h, 15 Maggio Rispondi

    Ho trovato questo podcast per caso e l’ho trovato magistrale, pieno di passione civile e conoscenza approfondita dei fatti, narrati con rara precisione e resi comprensibili. Reportages di questa qualità sono rari da trovare e servono alla memoria del paese. Complimenti alla giornalista e a Storie libere.

  • Valentina Fanti
    Posted at 16:28h, 07 Ottobre Rispondi

    Molto interessante. Ottima la giornalista. Spero di ascoltare altre puntate.

Post A Comment