INFO EPISODIO

Ep. 08 – Il pelo sulla lingua

Quando ci si trasferisce in un nuovo paese, il primo inevitabile ostacolo con cui ci si scontra è quello della lingua. Per quanto bene la si possa conoscere, un conto è doverla parlare saltuariamente, un altro totalmente diverso è ritrovarsi immersi 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, in un mondo che pensa, si esprime, discute e scherza usando un idioma che non è il tuo. Tra aneddoti di vita quotidiana, a base di figuracce e clamorosi misunderstanding, e riflessioni su temi alti quali l’ipotesi di sapir-whorf e il code switching, Federico e Marina raccontano la loro esperienza, aiutati da due ospiti: Richard Bonanno, bostoniano doc che insegna italiano negli Stati Uniti e parla persino il milanese, e l’attore Giorgio Comaschi, da tempo impegnato in una sua personale battaglia contro l’uso e l’abuso di inutili anglicismi. Poi, alla fine, arriva Dan.

USA LOGO

USA CON CAUTELA

di Marina Viola e Federico Bernocchi

Un confronto e una riflessione a due voci su grandi temi e piccoli luoghi comuni visti dai due lati dell’Oceano, per scoprire come Italia e Stati Uniti si guardano vicendevolmente nell’era di Trump&Salvini, del Covid e di BlackLivesMatter.
Da una parte Marina Viola, scrittrice, italiana che vive a Boston da più di 25 anni, ormai più americana che italiana.
Dall’altra Federico Bernocchi, conduttore radiofonico, italiano che prima del Covid progettava di trasferirsi oltre oceano per seguire la fidanzata, ma con lo spirito da portabandiera tricolore.
Due modi diversi di vedere gli Stati  Uniti: chi li conosce bene, e chi invece sta tentando di capirli. Chi li ha scelti, e chi invece, per ora, li subisce.
E ovviamente, due modi diversi di vedere l’Italia.

Illustrazione: Giacomo Botto

No Comments

Post A Comment