INFO EPISODIO

Ep. 01 | Margaret Atwood
mostra le informazioni

http://margaretatwood.ca/
Intervista a Tiziana Triana – editor saggistica Fandango

Bibliografia citata di Margaret Atwood:
La donna da mangiare (1969) – The edible woman

I racconti dell’ancella – The Handmaid’s Tale (1985)

L’altra Grace – Alias Grace (1996)

Bibliografia citata di Naomi Aldermann: Ragazze elettriche

storielibere-morgana-small

MORGANA

STORIE DI RAGAZZE CHE TUA MADRE NON AVREBBE APPROVATO

di Michela Murgia

EP. 01 | MARGARET ATWOOD

La prima Morgana che scopriremo insieme è Margaret Attwood, scrittrice canadese e autrice di più di 15 romanzi. Nota in tutto il mondo sin dagli anni ’80 sta conoscendo in Italia una nuova notorietà perchè da due dei suoi libri, Il racconto dell’ancella e L’altra Grace, sono state tratte due serie di grande successo di pubblico proprio lo scorso anno.

11 Comments
  • Isabelle Ribollet
    Posted at 16:44h, 03 Maggio Rispondi

    Molto interessante! Bravissimo!

    • Nadia Moroni
      Posted at 00:59h, 22 Settembre Rispondi

      Salve Michela. Molto piacevoli gli interventi di oggi a pordenonelegge. Sto ascoltando i podcast e li trovo meravigliosi.
      Mi permetto di suggerire Vita Sackville-West, una cattiva ragazza del secolo scorso.

  • aiace
    Posted at 20:03h, 06 Giugno Rispondi

    perchè nelle informazioni non ci mettete anche la colonna sonora della puntata? sono ben scelte ma pur riconoscendone le melodie non ricordo gli autori

  • Andrea
    Posted at 16:38h, 18 Giugno Rispondi

    Ciao Michela, bellissima rubrica! A quando una puntata su Grazia Deledda? Penso che calzi bene con le altre tue Morgane.. Grazie per le tue storie, sono delle perle!

  • margherita pagliaro
    Posted at 18:41h, 02 Novembre Rispondi

    Io penso che molte madri approvino, La mia avrebbe approvato senz’altro (e io vado per i 50…), ma avrebbe approvato pure mia nonna! Una famiglia di stronze, a gradazione crescente man mano che ci si avvicina al presente! Ma quanta fatica!!

  • pia bovo
    Posted at 11:20h, 06 Novembre Rispondi

    hai dato dignita’ alla stronzaggine nostra, mi sono sempre sentita anch’io impopolare nelle scelte di vita di cui vado fiera, con dolore e coraggio, grazie michela. Ascoltarti é sicuramente un atto politico.

  • Eleonora
    Posted at 16:03h, 22 Gennaio Rispondi

    Michela e Chiara, siete delle vere e proprie divulgatrici di cultura, femminismo, e di cultura femminista. Sto ascoltando tutti i podcast che posso, e consiglierò ad amiche, e amici, di ascoltarvi attentamente. Questa donne sono di grande ispirazione per me.

  • Jennifer Ricci
    Posted at 19:01h, 02 Aprile Rispondi

    Molto interessante, grazie!

  • anna
    Posted at 13:56h, 20 Maggio Rispondi

    non posso più fare a meno del vostro podcast. grazie michela per i testi: potenti.

  • Carla Gallo
    Posted at 15:43h, 26 Maggio Rispondi

    Anche mia madre approverebbe o, se riesco a farle ascoltare queste storie drammatiche e tremendamente reali, approverà. Ha novantatrè anni e la sua vita è simile a quelle raccontate da Michela Murgia.
    Nasce prima di 7 fratelli, per cui già piccolissima si trova a spupazzare i vari fratellini, sfornati a ritmo costante da sua madre. A 10 anni va a lavorare nei campi insieme agli uomini perchè suo padre si ammala gravemente e sua madre è incinta, praticamente in continuazione. A 14 porta in bicicletta salami e pagnotte, nascoste sotto il mantello di loden, ai partigiani in montagna, con tutti i rischi connessi.
    .A 19 si trova sposata con un uomo di 35 che beve talmente tanto da procurarsi una cirrosi epatica di cui morirà giovane, ma che nel frattempo renderà un inferno la vita di mia madre. Ma lei troverà il modo di mantenere tutta la famiglia, comprese due figlie, lavorando 16 ore al giorno per 15 anni, senza fare un solo giorno di riposo. Ha combattuto fino dalla tenera età come fosse un uomo, lavorando come un uomo e facendosi valere come un uomo. il suo nome è Costanza

  • Lucia
    Posted at 14:26h, 06 Ottobre Rispondi

    Grazie per questo podcast, credo che ci vogliano più storie di persone fuori dagli schemi e dalle convenzioni sociali. A questo proposito, un personaggio che mi ha sempre affascinato è Antigone, dalla mitologia greca. Una figura contrastata e contrastante, sarebbe bellissimo poter sentire una vostra riflessione su di lei.

Post A Comment