storielibere-morgana-small

MORGANA

STORIE DI RAGAZZE CHE TUA MADRE NON AVREBBE APPROVATO

di Michela Murgia

Scritto con Chiara Tagliaferri. Morgana è la casa delle donne fuori dagli schemi. Donne controcorrente, strane, pericolose, esagerate, stronze e a modo loro tutte diverse e difficili da collocare. Donne che vogliono piacersi e non compiacervi un po’ fate e molto streghe, belle e terribili insieme.
Illustrazione di MP5

michela-murgia

MICHELA MURGIA

Michela Murgia è nata a Cabras nel 1972. Scrittrice, ha seguito studi teologici ed è stata insegnante di religione, educatrice e animatrice nell’Azione Cattolica. Ha esordito con “Il mondo deve sapere” (Isbn 2006), diario tragicomico di un mese di lavoro che ha ispirato il film di Paolo Virzì “Tutta la vita davanti”. Per Einaudi ha pubblicato, tra gli altri: “Viaggio in Sardegna” (2008), il romanzo “Accabadora” (2009, Premio Campiello 2010), Ave Mary (2011) e L’incontro (2012). Dal 2011 è socia onoraria del Coordinamento Teologhe Italiane e collabora con molti periodici e quotidiani. Nel 2013 insieme a Loredana Lipperini ha scritto “L’ho uccisa perché l’amavo (falso!) (Laterza). I suoi libri sono tradotti in più di venti lingue. “Chirù” (Einaudi, 2015) è il suo ultimo romanzo. A giugno 2016 è uscito per Einaudi il saggio “Futuro interiore”, analisi della generazione degli anni Settanta. Ha una rubrica fissa su Donna Moderna e su Il Messaggero di Sant’Antonio. Ospite fissa al programma di Corrado Augias “Quante Storie” ha condotto, sempre per Rai 3, il programma Chakra. Nel 2017 ha esordito a Teatro con “Quasi Grazia” un testo di Marcello Fois, nel ruolo di Grazia Deledda.

INFO SERIE

Una produzione: storielibere.fm
Di Gian Andrea Cerone e Rossana De Michele
Coordinamento editoriale: Guido Guenci
Redazione: Benedetta Aroldi
Press & Web: Ilenia Caito
Post Produzione Audio: Valeria Ardito per Erazero

Ep. 1 | Margaret Atwood

http://margaretatwood.ca/
Intervista a Tiziana Triana – editor saggistica Fandango

Bibliografia citata di Margaret Atwood:
La donna da mangiare (1969) – The edible woman

I racconti dell’ancella – The Handmaid’s Tale (1985)

L’altra Grace – Alias Grace (1996)

Bibliografia citata di Naomi Aldermann: Ragazze elettriche

Ep. 3 | Frances McDormand

Speech agli Oscar:
https://www.youtube.com/watch?v=1DCH4y5CgTo

Speech ai Golden Globe:
https://www.youtube.com/watch?v=vvsI2pERsas

Filmografia citata:
Bloode Simple (1984)
Mississippi Burning (1988)
America oggi – Short Cuts (1993)
Fargo (1996) Almost Famous (2000)
This must be the place (2011)
Three Billboards Outside Ebbing, Missouri (2017)
Olive Kitteridge (miniserie, 2014)
Bibliografia citata: Le donne non invecchiano mai, Iaia Caputo (2009)
Olive Kitteridge, Elizabeth Strout (2008)

Ep. 4 | Madonna

Canzoni di Madonna citate:
Papa don’t preach
Love profusion
Girl gone wild
Vogue
Erotica
American life
Everybody
Like a virgin
Material girl
Like a prayer
Secret Holiday
Live to tell
Bitch I’m Madonna – ft Nicki Minaj

Bibliografia citata:
“Sex” di Madonna e Steven Meisel, 1992
https://it.wikipedia.org/wiki/Sex_(libro)

Filmografia citata:
“Cercasi Susan disperatamente” 1985

Speach at Billboard Women in Music 2016:
https://www.billboard.com/video/madonnas-full-acceptance-speech-at-billboard-women-in-music-2016-7624369

“Ciao Italia!” Torino 1987
https://www.youtube.com/watch?v=ScKEtna52-I

Madonna a Samassi (1983)
https://www.youtube.com/watch?v=6Hn-57YW_60

Interviene:
Daniele Cassandro, redattore culturale di “Internazionale”

Ep. 5 | Santa Caterina da Siena

Contributi audio:

Elezione di Papa Benedetto XVI
https://www.youtube.com/watch?v=pWv_sLcz5Gc

Elezione di Papa Giovanni Paolo II
https://www.youtube.com/watch?v=fLXKJBVcaLI

Elezione di Papa Francesco
https://www.youtube.com/watch?v=X4nrwTjS3T8

18 Comments
  • Roberta
    Posted at 10:59h, 03 giugno Rispondi

    Mi piace

  • Luciana
    Posted at 16:39h, 04 giugno Rispondi

    Bravi

  • Maria Angela Nestola
    Posted at 20:16h, 04 giugno Rispondi

    Beh non vedo l’ora!

  • Alessandra
    Posted at 03:13h, 05 giugno Rispondi

    Aspetto curiosa di poter ascoltare i suoi racconti, certa che saranno interessanti e mai banali

  • giulia gervasoni
    Posted at 01:40h, 07 giugno Rispondi

    brave

  • Enza Miceli
    Posted at 11:16h, 19 giugno Rispondi

    meraviglia! GRAZIE

  • Margaret Atwood by Morgana – Podcast Consigliati | PODCAST MANIA
    Posted at 16:06h, 20 giugno Rispondi

    […] Ecco come si descrive sul sito di Morgana: […]

  • Luigi Conversini
    Posted at 16:58h, 24 giugno Rispondi

    Che bel sentire!

  • Lilli Pruna
    Posted at 17:12h, 24 giugno Rispondi

    Che cosa bella!

  • Francesca Romana
    Posted at 18:45h, 24 giugno Rispondi

    Splendida questa casa che Michela Murgia regala alle donne ( e curiosi tutti) dove rifugiarsi per sentirsi meno sole e corroborarsi prima di affrontare il mondo. Grazie!

  • Monica Reina
    Posted at 22:28h, 01 luglio Rispondi

    Mi é piaciuto molto e mi ha ispirato.
    Quando il.prossimo podcast?

    • storielibere
      Posted at 10:29h, 03 luglio Rispondi

      Ciao Monica,
      molto presto! Aggiorneremo le date d’uscita nei prossimi giorni 😉

    • storielibere
      Posted at 09:56h, 04 luglio Rispondi

      Ciao ….. Il prossimo episodio di Morgana sarà online il 17 di luglio e pubblicheremo un nuovo episodio ogni 17 del mese per i successivi 10 mesi. Il team di storielibere.fm

  • Podcast al Femminile | Podcast Mania
    Posted at 22:56h, 02 luglio Rispondi

    […] Morgana […]

  • maria antonietta
    Posted at 16:53h, 05 luglio Rispondi

    Che meraviglia…..

  • FiloRosso
    Posted at 18:57h, 06 luglio Rispondi

    Il monologo per non vedenti non è letteratura ma ipnosi psichica e ideologica.

    Murgia carissima, perchè cominciare dalla letteratura americanana (trita e ritrita) e non per esempio di altro paese?

    Quando le sufragette inglesi si battevano all’inizio dell’era Industriale trasformandosi in femministe, da noi in Russia, nel 1917, le donne godettero da subito il diritto di voto e pari opportunità sul lavoro come nella vita politica.

    La tua “eroina” perditempo, è una borghse noiosa e annoiata prigioniera di una società monoteista patriarcale e che per emergere usa mille stratagemmi fingardi e dispotici per trovare la via d’uscita, quando, con una conversione comunista avrebbe avuto immediatamente tutto ciò che cercava.

    Una cosa è chiara, leggi bene, ottima dizione e recitazione.

    LineaRossaArte

  • Valentina Cesarini
    Posted at 11:56h, 23 luglio Rispondi

    Grazie per questo bellissimo podcast.

Post A Comment